Il capo d’imputazione va interpretato?

Di Angela Compagnone -

Cass. Pen. Sez. VI, ud. 17 novembre 2016, dep. 21 dicembre 2016, n. 54457

Con tale decisione, la S.C. di cassazione conferma l’indirizzo giurisprudenziale per il quale il c.d. principio di correlazione fra accusa e sentenza è funzionale a salvaguardare il diritto di difesa onde scongiurare il pericolo che l’imputato, difesosi nel giudizio dalle accuse mossegli, sia condannato per un fatto diverso.

Il che, sempre a parere del giudice della nomofilachia, comporta la violazione di detto principio nei casi in cui la sentenza si ponga, rispetto all’addebito di reato, in rapporto di eterogeneità ovvero quando il capo d’imputazione non indichi gli elementi costitutivi del reato ritenuto nella decisione, sia sotto il profilo oggettivo che soggettivo, oppure -ed è l’aspetto più preoccupante- non consenta di ricavarli in via induttiva.

Con tale ultima affermazione, la Corte di cassazione, peraltro richiamando ed avallando una precedente statuizione sul punto (v. Sez. VI, 19.2.2015, Bossi ed altro, in Mass. Uff. n. 262.802), di fatto pone in capo all’imputato un preciso obbligo di interpretazione rispetto a tutti quei capi d’imputazione che si presentino nebulosi, oscuri o poco chiari.

Con la conseguenza che, difettando l’incolpazione della necessaria chiarezza, deve soccorrere l’interpretazione in via induttiva dell’imputato senza che ciò comporti lesione del diritto di difesa.

La conclusione non dovrebbe trovare cittadinanza nel nostro ordinamento, e neanche nelle aule di giustizia, anche a fronte dell’approdo raggiunto nella pronuncia de qua per la quale la necessaria correlazione tra accusa e sentenza deve essere letta assieme al disposto di cui all’art. 6 CEDU e, più in generale, sotto la lente della giurisprudenza europea in materia di diritto dell’imputato ad essere informato in maniera dettagliata ed in tempo utile dei fatti per i quali è accusato e della loro qualificazione giuridica, così come impone il diritto di ogni soggetto ad ottenere un equo processo.